Fatture di Ingegneri e professionisti a condomini: la ritenuta d’acconto

La circolare 40/E del 28 luglio 2010 aveva chiarito la problematica relativa le fatture di ingegneri e professionisti verso Clienti che intendono beneficiare delle detrazioni d’imposta previste per gli interventi di recupero edilizio e di risparmio energetico e soggette alla ritenuta sui bonifici di cui all’articolo 25 del D.L. 31 maggio 2010, n. 78, convertito con Legge 122/2010.

Ci si domandava infatti: quale ritenuta va applicata? Le fatture vengono assoggettate a doppia ritenuta?

La risposta dell’agenzia delle entrate (circolare 40/E) fondava l’argomentazione principale sul carattere speciale della disciplina di cui all’articolo 25 del Dl 78/2010, di per sé sufficiente per evitare che i contribuenti «subiscano sullo stesso corrispettivo più volte il prelievo alla fonte».

Quindi: i sostituti d’imposta, che intendono beneficiare delle agevolazioni fiscali previste per tali tipologie di interventi, ed eseguono i pagamenti mediante bonifici bancari o postali, «non opereranno su tali somme le ritenute ordinariamente previste dal Dpr 600 del 1973».

Niente quindi duplicazione di imposizione.

Ma attenzione a comunicare questi dati!

Il committente (esempio il condominio nella sua veste di sostituto d’imposta) dovrà comunicare a chi esegue la prestazione che intenderà beneficiare delle detrazioni: ad esempio, l’amministratore del condominio dovrà comunicare al prestatore se intende beneficiare della detrazione del 50% e quindi pagare il corrispettivo con bonifico bancario o postale. In caso affermativo, il prestatore (ingegnere o professionista) non evidenzierà all’interno della fattura alcuna ritenuta. Sarà esclusivamente a carico della banca o delle Poste italiane Spa trattenere una somma pari all’8% dell’imponibile.

NB: Se per errore ingegneri o professionisti avessero applicato la ritenuta ”doppia”, avranno ovviamente diritto di scomputare il doppio prelievo in sede di dichiarazione dei redditi.
Per meglio chiarire si forniscono due esempi:

1) Professionista (ingegnere/geometra…) che fattura ad un condominio per prestazioni NON connesse a interventi agevolati (ristrutturazioni o risparmio energetico


Prestazione professionale: € 1.000,00
Contributo integrativo (4%): € 40,00
Iva: € 228,80
Totale documento: € 1.268,80
Ritenuta d’acconto (20%) € 200,00
Netto a pagare: € 1.068,80
In tal caso Banche e Poste NON OPERANO alcuna ritenuta e l’importo cash che si vedrà accreditato il professionista sarà pari a 1.068,80. Il professionista entro il 31/03 dell’anno successivo riceverà da parte del cliente certificazione unica CU attestante il versamento di euro 200,00 per ritenuta d’acconto.

 

2) Professionista (ingegnere/geometra…) che fattura ad un condominio per prestazioni CONNESSE a interventi agevolati di recupero edilizio e di risparmio energetico


Prestazione professionale: € 1.000,00
Contributo integrativo (4%): € 40,00
Iva: € 228,80
Totale documento: € 1.268,80
Ritenuta d’acconto (20%) su onorario: € 0,00
Netto a pagare: € 1.268,80
In tal caso Banche e Poste OPERANO la ritenuta prevista dal D.L. 78/2010 e l’importo accreditato sarà pari € 1.185,60 (pari ad euro 1.268,80 decurtati della ritenuta operata dalla Banca). Tale ritenuta sarà certificata dalla stessa banca.

 

Per maggiori informazioni e consulenza professionale dedicata potete contattarci al seguente indirizzo mail: team.unicom@gmail.com

Dott.ssa Linda Eva Marrella

Mi presento: Linda Eva Marrella, nata a Verona il 4 febbraio 1980.

Studi e competenze: diploma in corrispondente in lingue estere, laurea con lode in economia e commercio, abilitata alla professione di dottore commercialista dall'anno 2007, revisore legale dei conti, mediatore civile abilitata alla risoluzione delle controversie.

Professione: titolare di studio commercialista e socia di associazione professionale in Verona a servizio della clientela per i servizi di: consulenza amministrativa e societaria, bilancio e contabilità, consulenza e assistenza fiscale e tributaria.

Obiettivi: vivere il lavoro e studiare l'economia non solo dalla scrivania, ma ampliando le prospettive. Partecipare a lavori in team al fine di moltiplicare per (con)dividere. Trovare idee innovative sia per startup che per aziende affermate di qualsiasi dimensione, contribuire a far crescere le piccole e rafforzare le grandi.

Il blog perchè: per uscire dall'ufficio, con spunti, riflessioni e ricerca di condivisione e creatività. L'esternare i miei studi quotidiani mi sta aiutando a confrontarmi con tante persone sulle novità fiscali, sull'economia e sul mondo, e ... mi sta pure divertendo.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *